Skip to content

Un matrimonio all’inglese

10 maggio 2010

Titolo Originale: Easy Virtue
Anno: 2008
Cast: Jessica Biel, Kristin Scott-Thomas, Colin Firth, Ben Barnes
Adatto a: una serata tranquilla, con la voglia di un po’ di humour all’inglese

Posso dire la verità? Ho deciso di guardarlo un po’ a caso, ma non mi ha delusa.

Larita è una giovane americana fuori dagli schemi: bionda platino, come lavoro corre sulle auto da corsa e non ha peli sulla lingua. Il caso vuole che si sposi in un matrimonio lampo con John Whittaker, rampollo della nobiltà terriera inglese. Larita ancora non lo sa, ma sono gli anni ’30, e una madre come Mrs Whittaker non le lascerà portare via facilmente il suo figliolo dalla campagna..

Colin Firth è sempre perfetto: ormai è uno dei miei attori preferiti, e penso che sia in grado di recitare qualsiasi parte. Qui è quella del reduce di guerra, che tornato in patria non riconosce più il bigottismo della sua “gente”, e se ne stacca totalmente, creandosi un suo mondo che si difende dall’esterno con battute sarcastiche e sbuffi di fumo.

Bello anche il personaggio della Biel, ovvero la protagonista Larita: battutine pronte e uno charme incredibile. Peccato per quei capelli biondi, che alla Biel stanno veramente male, e la fanno sembrare più vecchia di almeno 10 anni.

Il film in sé è carino, ma nulla di spettacolare, come ci si può immaginare dalla trama. E’ comunque molto piacevole, e merita di essere visto.

VOTO: 7.5

3 commenti leave one →
  1. 11 maggio 2010 07:22

    Colin Firth è il mio attore preferito di sempre❤ però questo non l'ho ancora visto purtroppo… certo che se ne parli così bene dovrò rimediare al più presto!

    PS: l'hai visto "A single man"? Migliore prestazione di Colin secondo me🙂

    • 11 maggio 2010 09:11

      Non ancora! Di cosa parla? Perchè non ho proprio idea di che film sia!

      • 22 maggio 2010 08:46

        Ho visto solo ora che mi hai risposto, mea culpa!

        “A single man” è il primo film girato da Tom Ford; è ambientato negli anni cinquanta o sessanta e racconta l’ultima giornata di un docente universitario che ha deciso di farla finita dopo la morte, in un incidente stradale, del suo amatissimo compagno. A me è piaciuto moltissimo, ci ho trovato un’intensità commovente🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: