Skip to content

Ormai assumere designer è diventato fuori moda

18 marzo 2010

Se c’è una cosa che mi piace sono le t-shirt a stampe tipo anni ’80, e nell’ultimo paio d’anni se ne sono viste di bellissime, con un fiorire di designer veramente bravi. Una delle mie preferite è Giorgia Capaccioli, con il suo sito Style For Style. (un esempio è quella qui sopra, che si chiama Idol e costa 36 euro)

Le sue tee sono diventate in un lampo il must-have delle fashion blogger, dalla bionda più amata d’Italia ad altre esponenti più moderne. Bene, questa cosa è servita a Giorgia per farsi conoscere di più? Si, ma nel frattempo c’è stato qualcuno che se ne è bassamente approfittato.

Le magliette qui sopra infatti, per quanto siano identiche alla Idol e alla Fashionista, non sono della linea di Giorgia, ma della collezione nuova di SubDued. Com’è possibile? Copiando copiando copiando. Perchè pagare infatti i propri designer, quando si può girare in rete e riprodurre in serie, senza spendere praticamente nulla? Sarebbe veramente stupido. Se poi si lascia perdere il Made in Italy e si produce il tutto ad un terzo del costo in Asia ancora meglio.

Ma io mi dico, in che razza di mondo viviamo? E’ tutto un copiare e taroccare. Tra i vari designer, e ora anche tra grandi marchi e designer. Come pensiamo di innovarci e dare spazio ai giovani, se l’unica cosa che i “grandi” fanno è terra bruciata intorno?

Spero che Giorgia in qualche modo si faccia valere, perchè questo mi pare proprio furto di opera di ingegno. Non potrebbero neanche dire che è stato il contrario, visto che le sue t-shirt sono in giro da più di un anno..

Images © Style For Style
22 commenti leave one →
  1. 18 marzo 2010 13:43

    grazie mille! quessta si che è la forza dei blogger! articolo speciale!
    Kisses Giorgia

    • 18 marzo 2010 13:51

      Questo e altro!
      Sono convinta che sia necessario spingere sempre più i veri designer, non i copioni che ci sono negli uffici dei grandi brand, che ormai di inventiva non ne hanno più!

  2. 18 marzo 2010 13:46

    Davvero un peccato, cmq che io sappia è successa una cosa simile a Giacomorelli con le scarpe borchiate by Louboutin!

    • 18 marzo 2010 13:55

      Questo non lo sapevo, mi informerò.. comunque è una cosa sempre più diffusa. Figurati che in uni sono venuti dei manager di Zara (faccio economia) e ci hanno spiegato come funzionano le loro nuove collezioni.
      Quello che succede in pratica è questo: ci sono delle specie di “scout” nelle principali città modaiole del mondo, che una volta al mese danno una lista di tutte le idee che trovano tra lo streetstyle e la rete. Poi Zara seleziona, dà il suo stile ai vari pezzi (utilizzando giovani designer probabilmente poco pagati) e mette in commercio il più velocemente possibile.

      Non è copiare come in questo caso, ma ci si avvicina..

  3. 18 marzo 2010 13:54

    Dai, ma la gente proprio non ha rispetto di niente, che tristezza…

  4. 18 marzo 2010 14:05

    Senza parole…

  5. 18 marzo 2010 14:07

    Rimango davvero sconcertato e rabbrividito.
    E’ una situazione squallidissima.
    Tutto il mio appoggio.

    http://www.fashionsavesyou.net

  6. 18 marzo 2010 14:09

    E’ una situazione squallidissima che fa riflettere parecchio.
    Tutto il mio sostegno.

    http://www.fashionsavesyou.net

  7. 18 marzo 2010 15:05

    già è vergognoso… la gente si impegna a proporre cose nuove e poi arrivano i copioni e rovinano tutto!!
    http://thescentofobsession.blogspot.com/

  8. MIMMI permalink
    18 marzo 2010 15:46

    CAPACI SOLO A COPIARE!!!!
    SOLO CHE LE IMITAZIONI POSSONO VENDERE SI DOVREBBERO VERGOGNARE A RUBARE AD UNA DESIGNER 20ENNE!!! CHE VERGOGNA!!!
    BUFFONI!!!

  9. 19 marzo 2010 00:15

    SE POSSO FARE UN PICCOLO APPUNTO…VIVO A LONDRA…LE STAMPE DI CUI STIAMO PARLANDO HANNO TEMI COMMERCIALI…CHE NON SI E’ INVENTATO NESSUNO!GIA’ ESISTEVANO O NO?IO LA STAMPA CON I NOMI DEGLI STILISTI L’HO VISTA IN ALTRI NEGOZI QUI…LE STESSE STAMPE CHE VEDO A CAMDEN TOWN LE HO TROVATE AL TOP SHOP…NON TROVO NULLA DI STRANO…

    • 19 marzo 2010 11:24

      Il fatto è che sia le maglie con le scritte, sia quelle con le immagini sono PERFETTAMENTE uguali: stesse parole, stesso carattere, stessa grandezza, stesso posizionamento.. par un po’ strano no?

  10. Reby permalink
    19 marzo 2010 10:01

    SONO D’ACCORDO CON NITZ, STAMPE DI QUESTO TIPO CI SONO OVUNQUE E ANCHE A ME E’ CAPITATO DI VEDERE UNA MAGLIA SIMILE A LONDRA E DA BRANDY. ORMAI E’ DIFFICILE CAPIRE CHI HA AVUTO L’IDEA PER PRIMO E CHI L’HA RIPRESA. SINCERAMENTE NON CI TROVO NULLA DI ORIGINALE NELLE MAGLIETTE IN QUESTIONE, SFRUTTANO TEMI COMMERCIALI CONSOLIDATI… E POI BASTA CITARE COCO CHANEL PER PIACERE… CREARE UNA STAMPA BANALOTTA PER MAGLIETTE E’ BEN LONTANO DALL’ESSERE STILISTE, ALTRIMENTI LO SAREMMO TUTTE!! INOLTRE QUASI PIU’ NULLA E’ COPERTO DA COPYRIGHT QUINDI E’ NORMALISSIMO CHE POSSANO ACCADERE COSE COSI’

    • 19 marzo 2010 11:23

      Brandy è meglio non nominarlo sinceramente, visto che già l’anno scorso ha avuto problemi legali per aver usato idee altrui..

  11. Lucrezia permalink
    19 marzo 2010 11:07

    io da sub ho sempre trovato cose carine e alla moda. mi sembra un pò esagerato tutto questo…insomma ha un suo stile ben definito e consolidato e non mi pare possibile che si metta a copiare le magliette di una sconosciuta.
    Insomma stiamo parlando di un’azienda importantissima che ha negozi in tutta Italia… vi pare che si sputtana con una cosa del genere? Insomma una maglietta con una stampa è solo uno dei duemila vestiti che fa.
    Boh, ma non è che qualcuno gli ha proposto di fare la maglia spacciandola come originale?

    • 19 marzo 2010 11:25

      Il fatto è che non si tratta di una sola maglietta, a quanto pare è stata copiata pedissequamente l’intera collezione dell’anno scorso di Giorgia.
      Certo però il tuo dubbio è decisamente valido.. probabilmente qualcuno ha proposto all’azienda le stampe spacciondole per proprie, avrebbe molto più senso che copiare così a random.

  12. 19 marzo 2010 11:42

    Non si tratta dell’originalità dello stile ma della palese copia delle mie composizioni.
    Non voglio dire che la maglia con i nomi o con le foto vintage siano di mia ideazione ma qst in questione le ho DISEGNATE io e vengono vendute da subdued e brandy!
    nelle t-shirt con la frase I’m a Voguette risulta lo stesso errore di stampa ch io ho commesso sulle mie magliette!!!!
    ASSURDO!
    e penso che chi viene contro questa causa sia solo una persona con grossi conflitti di interessi!!!!!!!

    • 19 marzo 2010 11:52

      Stessa cosa che ho risposto io prima.. il punto non è lo stile in generale, ma il fatto che sia stata presa una stampa e praticamente fotocopiata, senza un minimo di cambiamento o nulla.

  13. Laura Gagliardo permalink
    19 marzo 2010 17:34

    Ciao a tutti,
    sono Laura e vi scrivo a nome del marchio Subdued.
    Vorrei spiegare per bene quanto è succeso perchè sto leggendo nei vari blog parole troppo pesanti al riguardo ai limiti della diffamazione e passabili quindi di querela. Subdued ha una sua identità forte e consolidata, i suoi designer sono professionisti seri ed affermati che non hanno bisogno di rubare le idee di giovani blogger creative.
    Questo è l’accaduto:
    Per rispondere alle continue richieste delle nostre clienti desiderose di dire la loro in fatto di moda abbiamo lanciato un piccolo concorso che dà ad alcune di loro la possibilità di vedere realizzata la propria tshirt. Le magliette in questione che trovate nei nostri negozi ci sono state proposte da alcune clienti e ci tengo a precisare NON SONO STATE REALIZZATE DAI NOSTRI STYLIST.
    Trattandosi di una piccola iniziativa rispetto a ben più ingenti cose di cui ci occupiamo, per partecipare basta presentare un’autocertificazione di originalità del disegno che ci viene proposto. Nello specifico significa che le clienti che ci hanno proposto questi disegni hanno rubacchiato qua e là le idee spacciandole per proprie, cosa che del resto, in regime di copyleft, è anche abbastanza frequente ed incontrollabile.
    Ci dispiace molto per l’accaduto, speriamo vivamente che le prossime idee che ci giungeranno saranno autenticamente originali.
    Laura

    • 19 marzo 2010 18:19

      Sono contenta che siate stati così gentili da dare una risposta, e mi spiace aver tratto delle considerazioni sbagliate, visto che a quanto pare la “colpa” non è stata vostra, ma di chi per l’appunto ha spacciato per proprio un lavoro altrui, senza che voi non lo sapeste.

      Spero che oltre a me abbiate risposto anche a Giorgia, ovvero la designer, perchè sebbene l’abbia presa abbastanza con filosofia credo si fosse dispiaciuta parecchio dell’accaduto..

Trackbacks

  1. La Subdued risponde - Accidiosa V

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: