Skip to content

Dorian Gray: bello si, ma Wilde?

4 dicembre 2009

Che dire.. voto come film in sè 8, voto come amante del libro 5.

E’ un film prodotto bene (montaggio a parte), e dalla scenografia a dir poco stupefacente.

Ma dov’è la frivolezza di superficie di Wilde? Quel suo modo di mostrare tutto con un occhio divertito, in modo che solo il lettore più attento si accorga del messaggio di fondo? Mi sono sempre immaginata un Lord Henry leggero, che spara queste sue pillole di cinismo in modo ironico, lasciando trapelare il fatto che lui stesso creda ben poco a quel che sta dicendo.

E invece no, qui è cupo, sprezzante in un modo crudele. Unica nota positiva sul personaggio è l’interprete, un Colin Firth che come al solito non delude, ma che più di tanto con una sceneggiatura simile non poteva fare.

Ma vogliamo parlare di Dorian? Bellissimo ragazzo Ben Barnes, ma col personaggio non c’entra niente. Manca in lui quella bellezza eterea e fuori dall’ordinario che Wilde descrive con tanta maestria.

Il film in sostanza ha ripreso solo l’atmosfera gotica che si ritrova da metà libro in poi, quella della decadenza di Gray, perdendo quindi il contrasto tra innocenza e perdizione, tra bene e male, che nel romanzo è fondamentale.

Senza parlare poi delle aggiunte a mio parere assurde.. la figlia di Lord Henry, la scena della metro.. è un classico, non un romanzetto da strapazzo o uno spinoff di Beautiful!

In sostanza il mio consiglio è: non avete letto il libro? Andate pure a vedere il film, come standalone merita davvero. Siete degli appassionati di Wilde? Risparmiatevi la frustrazione di vedere un capolavoro della letteratura trasformato nel classico campione da incassi.

Advertisements
3 commenti leave one →
  1. Marcello Signore permalink
    4 dicembre 2009 12:44

    Beh, tu è vero, sei stata più “gentile” di me salvando Colin Firth e dando al film nel complesso un bel voto. In effetti, se non fosse tratto dal Dorian Gray e se avesse un altro titolo in sé non sarebbe poi male. Tutti e due abbiamo dimenticato di dire una cosa però: ma da dove è uscito l’amore e l’entusiasmo per il pogresso, il femminismo, e l’anti-nazismo? Che barbarie.

    • 4 dicembre 2009 14:01

      Robe da matti. Più ci penso e più mi accorgo di essere stata fin troppo gentile in effetti con la mia recensione =_=

  2. 7 dicembre 2009 10:42

    Eh sì, su questo film ci siamo trovate totalmente d’accordo. Grazie per essere passata sul mio blog! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: