Skip to content

Influenza A: serve davvero tutto questo allarmismo?

3 novembre 2009

Tutto questo allarmismo sull’influenza A (o suina che dir si voglia) mi sta facendo veramente impazzire. Perchè la gente non si informa invece che dar di matto per aver letto solo i titoloni dei giornali?

Ricapitoliamo un po’:

  1. I sintomi dell’influenza A sono gli stessi di quella stagionale, ma in forma più lieve, e per quanto riguarda la mortalità la percentuale è decisamente più bassa. Ad ogni modo basta leggere attentamente gli articoli che seguono i titoloni di cronaca, per accorgersi che la maggior parte dei morti per influenza A avevano già patologie gravi pregresse.
  2. Per il dottor Ugazio, presidente della Commissione vaccini della Società italiana pediatri, quest’influenza è un virus mediatico e l’attenzione che gli dedicano i mezzi di informazione è del tutto ingiustificata. (vedi http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE5A706S20091108) Il suo consiglio infatti è quello di tenere a casa i bambini con l’influenza.
  3. L’OMS ha affermato che “nella produzione di alcuni vaccini per la pandemia sono coinvolte nuove tecnologie che non sono state ancora valutate estensivamente per la loro sicurezza in certi gruppi della popolazione”.
  4. Non esiste alcun trattamento preventivo: i farmaci antivirali in commercio non prevengono la malattia e su individui già ammalati l’azione dimostrata di questi farmaci è di poter accorciare di mezza giornata la durata dei sintomi dell’influenza.
  5. In tutto ciò la JPMorgan (una delle maggiori banche affari del mondo) ha calcolato che il volume di commercio di questi vaccini e anti-influenzali si sia alzato di 10 miliardi di dollari negli ultimi mesi.

Cose queste che non ho dovuto cercare in riviste specializzate o chissà che, perchè basta fare una ricerca negli archivi di un qualsiasi quotidiano.

Perchè allora sono tutti che parlano di questa “temibile suina” come se si stesse per scatenare un’epidemia stile Io sono leggenda? Perchè alla gente piace parlare a vanvera, e senza informarsi, e i media ci guadagnano sopra, a scapito di quei poveretti che per mancanza di tempo o di altro informarsi non lo possono fare davvero.

6 commenti leave one →
  1. Ryo Saeba permalink
    6 novembre 2009 08:14

    Per me è un grande successo delle case farmaceutiche. Magari erano un po’ in crisi (dopotutto le cure alle grandi malattie non stanno procedendo come dovrebbero, AIDS e tumori sono ancora tra noi), e si sono ingegnate qualcosa per guadagnare bene spedendo poco (nulla? Fanno tutto i TG!)…

    • 6 novembre 2009 11:25

      Infatti, è la stessa cosa che era successa per l’aviaria (che ok, era più pericolosa).. anche se credo che oltre ai soldi ci sia la possibilità di sfruttare impunemente (visto che l’hanno dovuto creare in tempi brevi) un test su larga scala per nuovi adiuvanti..(cerca “squalene” ^_^)

  2. Sara permalink
    7 novembre 2009 13:02

    Veramente c’è da chiedersi dove ti informi tu che dici che ci sono stati 700 morti nel mondo per l’influenza A, visto che ad oggi ce ne sono stati quasi 5000 secondo la World Health Organization:

    http://www.who.int/csr/don/2009_10_23/en/index.html

    Ma da dove prendi i tuoi dati, scusa? Forse faresti bene a citare le fonti, se vuoi affrontare argomenti seri.

    • 8 novembre 2009 13:34

      Faccio un edit, il post era stato preparato più di una settimana fa, e i dati presi da un blog che tratta solo di medicina.

  3. Ryo Saeba permalink
    8 novembre 2009 15:11

    Rimane il fatto che non facciano MAI un confronto con i morti provocati da una normale influenza e questa. Sempre “2 nuove morti per l’influenza A”, mai un “l’anno scorso per l’influenza sono morte tot persone, quest’anno finora xx”

  4. Ryo Saeba permalink
    18 novembre 2009 20:53

    Mi smentisco da solo, e segnalo questo articolo su Byoblu.com:
    http://www.byoblu.com/post/2009/11/16/Influenza-A-la-truffa-suina.aspx#continue

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: